giovedì 31 dicembre 2009

HAPPY NEW YEAR 2010 - BUON ANNO





Se tra alcune ore sono pronti a saltare 40 milioni di tappi di spumante per festeggiare allo scoccare della mezzanotte il 2010 in Italia, l'anno nuovo arriva in anticipo nel Pacifico, lungo il 180mo meridiano che passa vicino alle isole di Tonga e Fiji e Kiribati, mentre nell'isola di Chahtam, in Nuova Zelanda, scatta alle alle 11,15 ora italiana.
Subito dopo è la volta di Wellington, mentre alle 13 scocca il cambio di data nella penisola russa della Kamchatka. Alle 14 il Capodanno è festeggiato a Melbourne e Sydney. Alle 15 è la volta di Vladivostock. E poi ancora, alle 16 a festeggiare l'anno nuovo è Seoul, alle 17 Hong Kong, alle 18 Hanoi e Bangkok, alle 19,15 a Katmandu, in Nepal; alle 19,30 a nuova Delhi; alle 20 a Islamabad; alle 20,30 a Kabul; alle 21,30 a Teheran; alle 22 a Baghdad e Mosca. Alle 23 toccherà ad Atene, ad Ankara, all'Egitto e a Gerusalemme.
A mezzanotte partiranno i tappi a Roma, Berlino, Parigi, Madrid e Bruxelles. All'una il Capodanno arriva sulle sponde del Tamigi, per proseguire alle quattro in Brasile. Alle cinque si brinderà a Caracas, alle sei all'Avana, a New York, e a Boston, alle sette a Città del Messico, alle nove a San Francisco e Los Angeles. E alle 11 a Honolulu, che chiuderà le celebrazioni.





martedì 29 dicembre 2009

SETTE GIORNI DI EVENTI PER UNA NUOVA CULTURA DELLA PACE

La Cooperativa Sociale Eumeo e l’Associazione di Promozione Sociale Ambrose/Compagnia realizzano in occasione della Giornata della Memoria un insieme di incontri e laboratori nella città di Parma e provincia, dal 24 al 31 Gennaio 2010. Ospite d’eccezione: il Monaco Buddhista AnShin Claude Thomas.

Programma

Sabato 16 Gennaio 2010
Anteprima
ore 15.00 - Inaugurazione della mostra "Tagore & Modern art of India" presso Teatro Casa della gioventù via Iasoni, Berceto (PR)
ore 16.00 - Incontro introduttivo di "Pax!" presso Teatro Casa della gioventùvia Iasoni, Berceto (PR)
ore 17.00 -Spettacolo di teatro-danza "Limes - linea di confine"
Tutti gli eventi sono ad ingresso libero

Domenica 24 Gennaio 2010
Inaugurazione evento:
ore 16.30 - Mostra fotografica "Volti di guerra" di Roberto Cavalieri. Biblioteca del Monastero di San Giovanni Evangelista (Parma)
ore 17.00 - Inaugurazione della rassegna con il monaco zen AnShin Thomas. Biblioteca del monastero di San Giovanni Evangelista.

Lunedì 25 Gennaio 2010
Incontri a carattere didattico:
ore 9.00 - "Incontrare la sofferenza/1"* Laboratorio per operatori del sociale e dei servizi educativi, condotto dal monaco buddhista Anshin Thomas Sala civica, VII circoscrizione, Largo 8 marzo 9a - Parma.
ore 15.00 - "Incontrare la sofferenza/2"* Laboratorio per Psicologi, Psicoterapeuti e Operatori delle relazioni d'aiuto. Scuola di Specializzazione di Psicoterapia Sistemica Integrata (c/o Associazione Coinetica, Strada Vallazza, 6 - Parma).

Mercoledì 27 Gennaio 2010
Incontro a carattere didattico:
ore 9.00 – Anshin Thomas incontra gli studenti delle Scuole Secondarie di II grado di Parma. Auditoruium Bocchialini, Viale PIacenza, 14 - Parma.
ore 18.30 - Vivere e scrivere il conflitto dell'incontro - Poesie e letture di Cleophas Adrien Dioma - Presso TCaffé caffé letterario Palazzo Dalla Rosa Prati, Piazza Duomo, 7a - Parma ore 21.00 - Incontro con esponenti della cultura religiosa di Parma - Biblioteca internazionale Ilaria Alpi - Vicolo delle Asse - Parma (partecipazione libera)

Venerdì 29 gennaio 2010
Incontro a carattere didattico:
ore 9.00 - "Trasformare la violenza sui deboli*"Laboratorio con Claude Anshin Thomas per operatori che lavorano con le vittime della violenza e dell'esclusione sociali. Sala Civica VII circoscrizione, Largo 8 marzo 9a - Parma

Sabato 30 gennaio 2010
ore 9.30 – 17.00 - Giornata ritiro spirituale e meditazione presso con Claude Anshin Thomas. Monastero Zen SanBo Ji loc. Pradaioli, Pagazzano di Berceto (Pr).

Domenica 31 Gennaio 2010
Evento Finale:
ore 9.00-16.00 - In Cammino nei Luoghi del Dolore. Cammino della pace guidato dal monaco Claude Anshin Thomas.
Partecipazione libera. Iscrizione obbligatoria al pranzo comunitario entro il 15 gennaio 2010. Quota individuale: 20 euro. Per ulteriori informazioni contattare gli organizzatori.

* eventi a iscrizione obbligatoria entro il 15 gennaio 2010 (quota di partecipazione di 15 euro)

Chi è Claude Anshin Thomas

Dopo la terribile esperienza vissuta in Oriente come soldato reduce dalla guerra nel Vietnam e dopo un periodo di terribile sofferenza psicologica per le violenze subite ed inferte in guerra, Claude Thomas si converte al Buddismo Zen sino a diventare monaco.
È nella pratica e nell’osservazione di tale filosofia religiosa che finalmente l’ex soldato trova la pace dello spirito fino a divenire prima allievo del celebre monaco Thich Nhat Hanh per poi prendere i voti diventando egli stesso Claude AnShin (monaco) Thomas.


Da allora è impegnato nella lotta ai principi della guerra e pratica il cammino di meditazione proprio nei luoghi ove il dolore si è materializzato ed è ora parte integrante della loro storia. Poiché i luoghi dove la guerra e la violenza dell’uomo sono sparsi su tutto il globo terrestre, il monaco buddista si muove ininterrottamente portando una parola di pace o, più semplicemente, portando il silenzio della riflessione e della meditazione là dove l’uomo ha fatto troppo rumore.
La storia personale di AnShin Thomas è talmente incredibile che la casa editrice Oscar Mondadori decide di pubblicare una sua biografia dal titolo “Una Volta Ero Un Soldato”.

Le premesse del progetto

L’inizio di questa straordinaria avventura risale al Natale del 2008 quando il papà di Ambrose, appassionato di culture orientali, gli mostra un articolo della rivista buddista “Dharma”, che racconta di un monaco che porta la Pace camminando nei luoghi di sofferenza, passata e presente, sparsi nel mondo.
Ambrose ne parla con gli amici Daniele e Remo e nel giro di qualche mese la Cooperativa Sociale “Eumeo” e l’APS “Ambrose/Compagnia” invitano a Parma e provincia il monaco buddista Claude Anshin Thomas e programmano una serie di incontri intorno al tema della pace.
Il messaggio insito nelle parole e nella camminata meditativa di Anshin Thomas nei luoghi di sofferenza è molto forte: non solo si vuole ricordare la sofferenza fisica subita e inferta nei luoghi di guerra presenti e passati; ma, simbolicamente, anche quanto esse siano presenti nella realtà quotidiana di tutti giorni più spesso e più sottilmente di quanto immaginiamo.

PAX! Anteprima

Berceto (Pr)
sabato 16 gennaio 2010

ore 15.00
Teatro Casa della gioventù
via Iasoni, Berceto (PR)
Inaugurazione della mostra "Tagore & Modern art of India"
I quadri del "poeta della pace" Rabindranath Tagore, premio Nobel per la letteratura, scrittore, filosofo, musicista, danzatore e pittore indiano. In esposizione anche altri quadri di artisti indiani contemporanei.

ore 16.00
Incontro introduttivo di "Pax!"
La cooperativa Eumeo presenza gli eventi in calendario.
Intervengono: il Console indiano Sarvajit Chakravarti, il Sindaco di Berceto Luigi Lucchi, l’Assessore alla piena occupazione Irene Pivetti

a seguire:
ore 17.00
Spettacolo di teatro-danza "Limes - linea di confine"
Ambrose Compagnia presenta lo spattacolo sul tema dell’’immigrazione e dell’incontro pacifico tra culture.
Spettacolo di e con Ambrose Laudani, Manfredi Perego (coreografie e danza), Alessandro Ceci (video)

TUTTI GLI EVENTI SONO AD INGRESSO LIBERO

AMBROSE/COMPAGNIA

Ambrose/Compagnia ha due scopi precisi: il primo è quello di affrontare tematiche presenti nella vita quotidiana della gente: quali immigrazione, tolleranza, difetti e pregi della società moderna; secondo è l’inevitabile aspetto multi-etnico che la società italiana sta assumendo dagli ultimi cinque anni a questa parte (doppia identità, multi-linguaggio, appartenenza culturale).
Queste sono tematiche che oggi giorno sono vicine a noi e anche al pubblico; spesso ci troviamo ad affrontare per strada tale realtà e non si riceve nessuna spiegazione e sostegno dalle organizzazioni civili. E’ una realtà priva di un volto umano. Ciò vale sia per gli italiani che per gli immigrati. La Ambrose/Compagnia si prefigge di raccontare l’inesprimibile dell’animo umano attraverso non solo la danza ma anche il teatro, la poesia, la musica e il canto.
Non ultimo è l’intento di riavvicinare il pubblico al teatro affrontando soggetti che se da un lato ci riguardano direttamente dall’altro si prefiggono di essere diretti e leggibili il più possibile (a scapito di un eccessivo intellettualismo, tipico del Teatro contemporaneo odierno).
Fisicità, emozioni, corpo e parola sono gli ingredienti base del nostro lavoro.
La Ambrose/Compagnia si apre non solo ai Teatri e ai Festival culturali istituiti, ma anche agli spazi aperti (quali piazze) e alle sagre e alle festività locali. Se da un lato ciò può essere erroneamente letto come una diminutio capitis, dall’altro l’intento è di portare la cultura e l’arte verso la gente e la gente verso il Teatro.

PRODUZIONI

2007
“Bod(y)sattva (Colui che porta equilibrio)”. Prima piece dell'APS “Ambrose/Compagnia”; si tratta di un solo ispirato all’universo mistico indiano e alla doppia identità del coreografo. Tecnica coreografica: impro-work, coreografia, teatro e proiezione video.

2009
“Limes (Cammino e Sospensione)”. Coreografia e danza: Ambrose Laudani, Manfredi Perego; poesie: Cleòphas Dioma; video: Alessandro Ceci; scenografie: Mario Brandini. materiale video tratto dal documentario: “Be Ye’ Ka Ye’ – Cosa c’è lì che non c’è qui” di Alessandro Ceci.
In un mondo nel quale sembra che si voglia riaffermare il valore dell’appartenenza a un luogo, a una regione, a uno Stato, viene da chiedersi quanto l’esperienza dell’emigrazione ci sradica dal paese d'origine e ci integra volenti o nolenti nel nuovo. Cleò è un esempio tra tanti che scoprono di non essere più africani (indiani, cinesi,ecc…) ma nuovi italiani, completamente occidentalizzati, loro malgrado vittime dell’immigrazione e completamente distaccati e sradicati dalla società italiana.

“Harijan (Figlio di Kalì)” duo con Ambrose Laudani e Alessandra Pizza, ballerina italiana ormai affermata danzatrice di danza tradizionale indiana (Bharata Natyam) in Italia e in India. La piece è arrivata in semifinale presso il concorso “Premio Scenario 2009” e “Danz’è” (Festival Oriente Occidente – Rovereto)

Informazioni personali

Cooperativa sociale Eumeo a r. l. - Onlus

Strada dei Mercati, 15 – 43126 Parma

martedì 8 dicembre 2009

FAI UN REGALO INDIMENTICABILE !! TRATTAMENTO VIBRAZIONALE SONORO




VUOI FARE UN REGALO INDIMENTICABILE?
Dona un buono per un Trattamento vibrazionale sonoro, un dono originale e salutare.
Nell'antichità i grandi maestri diedero molta importanza al suono, NADA in sanscrito , consapevoli della sua capacità creatrice e della sua influenza sulla mente umana.
Le campane o ciotole Tibetane, producono un suono armonico. Questo suono se scomposto ed espresso graficamente riporta l'immagine di una chiocciola , simile alla spirale che riveste una grande importanza nella simbologia delluniverso.
Ogni cosa vibra a determinate frequenze, così anche il nostro corpo che è formato da onde energetiche.
Se per vari motivi il corpo è disarmonico così lo saranno le sue frequenze vibrazionali .
Si dice che lo stato di benessere avviene quando si ha un equilibrio tra i vari piani coinvolti: fisico, emotivo, mentale ed energetico.
Il suono delle campane Tibetane ha il potere di riarmonizzare la frequenza dei livelli più sottili, creando uno stato di profondo benessere.
Il trattamento vibrazionale sonoro induce un rilassamento profondo liberando energie incatenate da tensioni che sono spesso causa dei più svariati malesseri.
Inoltre il trattamento aiuta a sincronizzare l'emisfero sinistro e il destro (yin e yang, femminile e maschile), ad avere un buon riposo, stimola la creatività, stimola lenergia vitale, aiuta il pensiero positivo ed il buon umore.
Il trattamento viene eseguito sul paziente vestito , le campane vengono appoggiate su diverse parti del corpo e fatte vibrare dolcemente. L' efficacia del trattamento è rafforzata dalle vocalizzazioni di suoni armonici del terapeuta in sincronia coi suoni delle campane .

Prenota il trattamento al più presto, i posti disponibili sono pochi...

Lokatiita Luca Raffaini
Tel 339 20 89 720
lokatiita@gmail.com


venerdì 4 dicembre 2009

PAUL McCARTNEY - APPELLO PER CLIMA - DIETA VEGETARIANA - BRUXELLES

Sarà pure invitante, ma bene non fa: né all'uomo, né allambiente. Mangiare troppa carne non serve, anzi: parola di Paul McCartney, che si è preso una pausa dal suo tour europeo per lanciare un appello a Bruxelles.
Vi prego, vi invito tutti a fare la vostra parte, per la vostra gente, per i loro figli e per il pianeta che erediteranno. Una giornata senza carne. Mc Cartney si è rivolto all'Europarlamento insieme a Rajendra Pachauri, premio Nobel, a capo del gruppo d'esperti intergovernativi sul cambiamento climatico. Agli eurodeputati e attraverso loro ai governi, Mc Cartney ha chiesto di promuovere una giornata senza carne. Magari ogni lunedì, ha proposto: per compensare un po' gli eccessi del fine settimana. L'ex Beatle, alla vigilia dell'apertura del vertice di Copenhagen, ha sottolineato che l'allevamento è una delle principali cause dell'effetto serra: causa diretta, per via delle emissioni gassose dei bovini, ed indiretta, considerando l'enorme superficie di terreno coltivabile usata invece in funzione dell'allevamento. Ma mangiare meno carne, ha insistito, non fa bene solo all'ambiente, ma anche al corpo umano. La media di consumo di carne in Europa è largamente superiore ai due etti per persona al giorno.
Copyright © 2009 euronews

martedì 1 dicembre 2009

LETTERA DI ALEX ZANOTELLI SULLA PRIVATIZZAZIONE DELL'ACQUA

Firmate, fate firmare, inoltrate e stampate questa lettera di Alex Zanotelli.

Diffondetela. Chi vuole aderire alla Lettera di Zanotelli scriva un'email all'indirizzo:

con la scritta: aderisco.


Napoli, 19 novembre 2009

Acqua privatizzata

“MALEDETTI VOI….!”

Non posso usare altra espressione per coloro che hanno votato per la privatizzazione dell’acqua , che quella usata da Gesù nel Vangelo diLuca, nei confronti dei ricchi : ” Maledetti voi ricchi….!”

Maledetti coloro che hanno votato per la mercificazione dell’acqua

Noi continueremo a gridare che l’acqua è vita, l’acqua è sacra, l’acqua è diritto fondamentale umano.

E’ la più clamorosa sconfitta della politica. E’ la stravittoria dei potentati economico-finanziari, delle lobby internazionali. E’ la vittoria della politica delle privatizzazioni, degli affari, del business.

A farne le spese è ‘sorella acqua’, oggi il bene più prezioso dell’umanità, che andrà sempre più scarseggiando, sia per i cambiamenti climatici, sia per l’aumento demografico. Quella della privatizzazione dell’acqua è una scelta che sarà pagata a caro prezzo dalle classi deboli di questo paese( bollette del 30-40% in più, come minimo),ma soprattutto dagli impoveriti del mondo. Se oggi 50 milioni all’anno muoiono per fame e malattie connesse, domani 100 milioni moriranno di sete. Chi dei tre miliardi che vivono oggi con meno di due dollari al giorno, potrà pagarsi l’acqua? “

Noi siamo per la vita, per l’acqua che è vita, fonte di vita. E siamo sicuri che la loro è solo una vittoria di Pirro. Per questo chiediamo a tutti di trasformare questa ‘sconfitta’ in un rinnovato impegno per l’acqua, per la vita , per la democrazia. Siamo sicuri che questo voto parlamentare sarà un “boomerang” per chi l’ha votato.

Il nostro è un appello prima di tutto ai cittadini, a ogni uomo e donna di buona volontà .Dobbiamo ripartire dal basso, dalla gente comune, dai Comuni.

Per questo chiediamo:

AI CITTADINI di

-protestare contro il decreto Ronchi , inviando e -mail ai propri parlamentari;

-creare gruppi in difesa dell’acqua localmente come a livello regionale;

-costituirsi in cooperative per la gestione della propria acqua.

AI COMUNI di

-indire consigli comunali monotematici in difesa dell’acqua;

-dichiarare l’acqua bene comune,’ privo di rilevanza economica’;

-fare la scelta dell’AZIENDA PUBBLICA SPECIALE.

LA NUOVA LEGGE NON IMPEDISCE CHE I COMUNI SCELGANO LA VIA DEL
TOTALMENTE PUBBLICO, DELL’AZIENDA SPECIALE, DELLE COSIDETTE
MUNICIPALIZZATE .

AGLI ATO

-ai 64 ATO( Ambiti territoriali ottimali), oggi affidati a Spa a
totale capitale pubblico, di trasformarsi in Aziende Speciali, gestite con la partecipazione dei cittadini.

ALLE REGIONI di

-impugnare la costituzionalità della nuova legge come ha fatto la
Regione Puglia;

-varare leggi regionali sulla gestione pubblica dell’acqua.

AI SINDACATI di

-pronunciarsi sulla privatizzazione dell’acqua;

-mobilitarsi e mobilitare i cittadini contro la mercificazione dell’acqua.

AI VESCOVI ITALIANI di

-proclamare l’acqua un diritto fondamentale umano sulla scia della
recente enciclica di Benedetto XVI, dove si parla dell’”accesso
all’acqua come diritto universale di tutti gli esseri umani, senza
distinzioni o discriminazioni”(27);

-protestare come CEI (Conferenza Episcopale Italiana) contro il
decreto Ronchi .

ALLE COMUNITA’ CRISTIANE di

-informare i propri fedeli sulla questione acqua;

- organizzarsi in difesa dell’acqua.

AI Partiti di

- esprimere a chiare lettere la propria posizione sulla gestione dell’ acqua;

-farsi promotori di una discussione parlamentare sulla Legge di
iniziativa popolare contro la privatizzazione dell’acqua, firmata da oltre 400.000 cittadini.

L’acqua è l’oro blu del XXI secolo. Insieme all’aria , l’acqua è il bene più prezioso dell’umanità. Vogliamo gridare oggi più che mai quello che abbiamo urlato in tante piazze e teatri di questo paese :

“L’aria e l’acqua sono in assoluto i beni fondamentali ed
indispensabili per la vita di tutti gli esseri viventi e ne diventano fin dalla nascita diritti naturali intoccabili- sono parole dell’arcivescovo emerito di Messina, G. Marra. L’acqua appartiene a tutti e a nessuno può essere concesso di appropriarsene per trarne illecito profitto,e pertanto si chiede che rimanga gestita esclusivamente dai Comuni organizzati in società pubbliche , che hanno da sempre il dovere di garantirne la distribuzione al costo più basso possibile.”

Alex Zanotelli